Egoismo o amor proprio? Orgoglio o fierezza? guardiamo insieme i processi psicologici che spesso sovrapponiamo

Tempo di lettura: 2'
letto 75 volte

L’egoismo e l’amor proprio sono due processi psicologici spesso sovrapposti e confusi.

Ma anche essere fieri di sé per un’azione o un obiettivo raggiunto significa ricompensarci per l’impegno e la fatica: significa soprattutto riconoscere il proprio valore, mentre l’orgoglio comprende tutt’altro. Vediamolo insieme

“Ci vergogniamo se agiamo, pensiamo o sentiamo in modo da violare il nostro orgoglio. Ci sentiamo umiliati se altri agiscono ferendoci nell’orgoglio od omettono di agire come il nostro orgoglio avrebbe preteso” Karen Horney

Egoismo o amor proprio? Dove si posiziona l’orgoglio

L’orgoglio nevrotico ha a che fare con attributi e qualità che non sono reali e sostanziali ma piuttosto soggettivi e “fantastici”.

Tanto più è idealizzata l’idea di noi stessi o di ciò che dovremmo essere tanto più sarà necessario evitare che questo fragile orgoglio si frantumi.

Può diventare estremamente complesso quindi tenere in piedi un’impalcatura con delle fondamenta così instabili perché suscettibile ad ogni spiraglio di vento e diventa imperativa la necessità di proteggerla per evitare che fattori esterni ci portino a sentire un senso di vergogna o di umiliazione.

Persone egoiste | Come riconoscerle e difendersi da loro

Egoismo o amor proprio? Quando una zona d’ombra diventa virtù

Se necessario, anche lati disfunzionali del nostro carattere diventano virtù di cui poter essere orgogliosi se ci avvicinano all’ideale che di noi ci siamo costruiti.

La difficoltà nell’agire a favore di noi stessi si trasforma in altruismo, il bisogno di sfruttare gli altri in astuzia, il desiderio di vendetta in una giustizia riparativa e via dicendo.

L’orgoglio quindi si alimenta grazie alle qualità che ci avvicinano a ciò che vorremmo essere e dimostrare rendendoci piuttosto vulnerabili e mantenendo uno stato di allerta.

Frasi, citazioni e aforismi sulla fierezza e l'essere fiero -  Aforisticamente

Quindi cos’è la fierezza?

Ciò di cui andiamo così fieri a volte può non essere realmente un darsi valore.

Per individuare le nostre forme di orgoglio “non sano” potremmo chiederci proprio là dove sento molta vergogna o umiliazione cos’è che può aver determinato quella reazione, perché è lì che si nasconde la ferita.

Dottoressa Psicologa Martina Di Dio

Suggerimenti di lettura in merito al dilemma tra egoismo o amor proprio

Se ti incuriosiscono questi articoli dove spiego i concetti psicologici ti consiglio di leggere “cosa si nasconde dietro la tendenza a procrastinare?“ oppure il mio articolo sui “lapsus e gli atti mancati per Freud

About Martina Di Dio

Sono una psicologa clinica, psicoterapeuta in formazione presso il centro Gestalt Viva CGV secondo il metodo di Claudio Naranjo.
L’intenzione che sta dietro ai miei articoli e al lavoro nel mio studio privato è quella di stimolare l’individuo verso una riflessione e una messa in discussione di idee su di sé e sul mondo che nel tempo ha ingerito come “verità assolute” e che cominciano a stridere oltre che a provocare sofferenza.
Muoversi nel mondo a partire dal contatto con il corpo e le emozioni ci permette di vivere autenticamente e con una maggiore senso di coerenza interna. Riconoscere ciò che ci fa soffrire e vedere in che modo alimentiamo i nostri automatismi “nevrotici” ci da la possibilità di scegliere e di appropriarci pienamente del nostro potenziale esistenziale.

Dove ricevo: Viale Spartaco Lavagnini 30 (Firenze)
Contatti: didio.martina@yahoo.com