Jacques Lacan e l’inconscio strutturato: approfondiamo la Teoria Lacaniana e la sua Psicoanalisi Strutturale

Tempo di lettura: 5'


Jacques Lacan è stato un antropologo, psicoanalista, psichiatra e filosofo francese.

Insieme a Lévi-Strauss, Foucault (fondatore dell’antipsichiatria), Althusser, Barthes, Klossowski e Deleuze fu una delle personalità di spicco della corrente filosofico-antropologica strutturalista e post-strutturalista

Bruno Moroncini. Il pensiero di Jacques Lacan | Filosofia | Rai Cultura

Nel cosiddetto periodo post-Freud la psicoanalisi si è trovata di fronte ad una divisione tra coloro che hanno concepito la psicoanalisi seguendo esattamente le orme di Freud (approccio che ha preso il nome di evolutivista) e coloro che da Freud hanno preso le basi per costruire una nuova concezione di psicoanalisi (approccio strutturalista).

Il modello strutturalista di Lacan e l’inconscio strutturato

L’approccio evolutivista vede l’uomo come un organismo in potenza, capace di svilupparsi attraverso fasi evolutive, mentre il modello strutturalista, con a capo lo psichiatra e psicoanalista francese Jacques Lacan (1901-1981), sostiene che l’uomo sia immerso in una struttura che lo anticipa e lo predetermina nel suo sviluppo.

Il fondamento su cui Lacan costruisce la sua teoria è: “l’inconscio è strutturato come linguaggio”.

Qui l’inconscio non è l’istintuale, ma è il luogo della ragione ed essendo strutturato come un linguaggio, questo sta a delle regole, ad una struttura appunto. Il soggetto è immerso in una struttura che lo predetermina, struttura che Lacan chiama Altro.

L’Altro di Lacan è il campo del linguaggio entro le cui leggi si trova il soggetto; è una rappresentazione necessaria a dimostrare la dipendenza dell’uomo alla struttura. Il soggetto si trova all’interno di questo ancor prima della sua nascita. L’Altro agisce quindi sul bambino ancora prima che egli possa interagire con la madre, a causa delle leggi che anticipano la sua nascita.

Neonato di 4 mesi - PianetaMamma.it

Lo sviluppo del bambino per jacques Lacan

Secondo Lacan lo sviluppo del bambino avviene all’interno della struttura da cui questo dipende e, essendo dipendente, il bambino chiede all’Altro materno, cioè l’Altro che gli è più vicino, di soddisfare i suoi bisogni e di rispondere alla sua unica domanda: si tratta di una domanda di amore, di desiderio dell’Altro perché è proprio il desiderio dell’Altro che dà un senso al bambino.

Lacan riconosce tre tappe nello sviluppo della personalità.

La prima comporta un’indistinzione totale tra bambino e mondo esterno.

La seconda che va dai 6 ai 18 mesi, chiamata fase dello specchio, è caratterizzata dal fatto che, specchiandosi nell’immagine che la madre ha di lui, il bambino se ne appropri e definisca la sua identità in funzione di questa immagine. Abbiamo quindi un’identità immaginaria dove il bambino desidera essere ciò che la madre desidera che egli sia, ossia ciò che ad essa manca (il Fallo). Attenzione però, il Fallo di Lacan non ha alcun rapporto con l’organo anatomico, esso è un significante metaforico che si riferisce alla mancanza ad essere di ogni soggetto.

La terza e ultima tappa è quella edipica, la più importante e complessa. Il Padre in questione non è quello reale, ma qui incarna una funzione paterna ricondotta da Lacan al Nome del Padre, che, reprimendo il desiderio del bambino di rimanere assoggettato al desiderio della madre, promuove l’accesso all’ordine simbolico del Linguaggio.

Il complesso di Edipo: i sintomi | Pazienti.it

La separazione tra l’Io cosciente e l’Inconscio per Lacan

Questo accesso all’ordine simbolico determina una separazione tra l’Io cosciente e l’Inconscio, il quale si definisce e si costruisce sulla base delle interiorizzazioni di significanti propri di una determinata società o cultura.

La genesi dell’Inconscio è l’altra faccia della medaglia della costruzione dell’Io. L’Io per definirsi ha bisogno della parola, cioè dello strumento che gli permette di esprimere significati. L’Inconscio è la rete di significanti che consente di parlare, ma che non può essere contenuto nello spazio della coscienza.

La detronizzazione dell’io come rivoluzione post-freudiana

Per concludere possiamo riassumere che la rivoluzione post-freudiana è consistita nel detronizzare l’Io (il conscio), riconoscendo all’Inconscio la vera voce dell’individuo. Per Lacan la psicoanalisi è la decifrazione del linguaggio e lo psicoanalista non deve mirare a potenziare l’io cosciente, ma trovare accesso all’Inconscio.

La tradizione freudiana pensa che il linguaggio abbia consentito alla coscienza di raggiungere l’autoconsapevolezza e di prendere le distanze dal mondo pulsionale.

Per Jacques Lacan, invece, il linguaggio, in quanto trama di significanti, ha strutturato l’Inconscio assegnando all’Io un’identità immaginaria, illusoria.

L’avvento dell’uomo coincide con una spaccatura, una separazione fra lo psichismo inconscio e la coscienza soggettiva, in conseguenza di cui l’Inconscio viene completamente subordinato all’ordine simbolico (il Linguaggio), mentre l’Io cosciente rimane preda del narcisismo immaginario.

Indagine sulla componente narcisistica fra gli studenti infermieri -  InfoNurse

La rinuncia al Narcisismo come cura per Jacques Lacan

Nella teoria di Lacan, l’Io è un sintomo, è l’alienazione fatta persona, cioè una maschera al di sotto della quale si trova la vera personalità di un soggetto.

Per questo l’obiettivo della psicoanalisi lacaniana è aiutare l’Io a rinunciare al suo narcisismo: il compito dell’analista è di mettere il soggetto in grado di accettare che l’unità del suo Io è illusoria. La cura non cerca la guarigione come nella psicoanalisi freudiana, ma la Verità (che coincide con la teoria psicologica di Lacan).

Dottoressa Veronica Caroccia

Se ti ha incuriosito l’argomento, ho scritto un articolo su un tema molto collegato alla rivoluzione post-freudiana degli anni ’60, e ’70.

Antipsichiatria e dottrina antipsichiatrica: l’esperimento Villa 21

Buon viaggio! Che sia un’andata o un ritorno, che sia una vita o solo un giorno – Ragazzə all’estero

“Buon viaggio, che sia un'andata o un ritorno, che sia una vita o solo un giorno, che sia per sempre...
Read More
Buon viaggio! Che sia un’andata o un ritorno, che sia una vita o solo un giorno – Ragazzə all’estero

Steve McCurry: la meraviglia dell’estetica nella disgrazia della guerra

Steve Mccurry è un fotoreporter atipico sotto molti punti di vista. Con la sua estetica, la sua vena compositiva e...
Read More
Steve McCurry: la meraviglia dell’estetica nella disgrazia della guerra

Tornare a scuola: paura del fallimento e ansia da prestazione? Il ruolo importante della famiglia

Tornare a scuola significa affrontare tante paure lasciate in sospeso a causa della pandemia da covid-19. Ma quali sono queste...
Read More
Tornare a scuola: paura del fallimento e ansia da prestazione? Il ruolo importante della famiglia

L’Engagement aziendale: la base per un’organizzazione che prospera

Per engagement aziendale si intende il coinvolgimento e l'impegno delle persone all’interno della propria impresa. Essere coinvolti significa sentirsi parte...
Read More
L’Engagement aziendale: la base per un’organizzazione che prospera

I simboli nel cinema d’essai: introduzione al pensiero Junghiano attraverso la partecipazione attiva dello spettatore cinematografico

Il "cinema d'essai" nasce in Francia, nei primi anni '40, quando venivano chiamate "Cinéma d'art et d'essai" (che tradotto significa...
Read More
I simboli nel cinema d’essai: introduzione al pensiero Junghiano attraverso la partecipazione attiva dello spettatore cinematografico

Enneatipo 2: “come faresti senza di me?” – strategia nevrotica per riempire il vuoto e la mancanza

L'Enneatipo 2 possiede un’emotività istrionica ed esaltante necessaria a riempire di colori accesi e brillanti un paesaggio magico e un...
Read More
Enneatipo 2: “come faresti senza di me?” – strategia nevrotica per riempire il vuoto e la mancanza

Storia della Filosofia Occidentale: introduzione al pensiero socratico e ai grandi dibattiti dell’ultimo millennio

La storia della Filosofia Occidentale è lunga e travagliata, caratterizzata da complessi dialoghi e discussioni che comprendono questioni etiche e...
Read More
Storia della Filosofia Occidentale: introduzione al pensiero socratico e ai grandi dibattiti dell’ultimo millennio

La dieta mima digiuno: cos’è, come funziona e…funziona?

La Dieta Mima Digiuno, o DMD, è un protocollo alimentare ipocalorico interamente vegetale che dura 5 giorni durante i quali...
Read More
La dieta mima digiuno: cos’è, come funziona e…funziona?

Unioni civili: percorso nel dettato normativo italiano

Se ti sei mai chiesto cosa sia un’unione civile, devi sapere che si tratta di un termine utilizzato per indicare...
Read More
Unioni civili: percorso nel dettato normativo italiano

Monografie seriali: Ferdinand Gamper, sei spari nel silenzio.

Ferdinand Gamper, conosciuto anche come il mostro di Merano, è un serial killer classificabile come “missionario” (decisamente atipico in Italia)....
Read More
Monografie seriali: Ferdinand Gamper, sei spari nel silenzio.